HOME > archivio

Anteprima del fascicolo 9 (mag/2018)

Prepariamoci all'esame

Anteprima del fascicolo 8 (apr/2018)

Per una cittadinanza attiva e globale

Anteprima del fascicolo 7 (mar/2018)

La forza dell'inclusione

Anteprima del fascicolo 6 (feb/2018)

Insieme è meglio

Anteprima del fascicolo 5 (gen/2018)

Educare alla gentilezza

Anteprima del fascicolo 4 (dic/2017)

Cooperative learning

Anteprima del fascicolo 3 (nov/2017)

La persona al centro

Anteprima del fascicolo 2 (ott/2017)

Obiettivo ricerca: nei libri, in rete, nei musei

Anteprima del fascicolo 1 (set/2017)

Imparare a imparare: a scuola di futuro

Partecipazione e benessere dei ragazzi nella scuola oggi

Star bene e benessere come obiettivi strategici per combattere il disagio

La costante attualità di don Milani

In occasione del cinquantesimo anniversario della sua scomparsa

Jerome Bruner: l'impegno di cent'anni

Una biografia

Cinema e didattica dell’italiano per stranieri

Italiano L2 – Un laboratorio audiovisivo

I fondamenti per una didattica inclusiva

Le “Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA”

L'identità digitale del docente

EU 2020 e Agenda Digitale del docente

Piano nazionale di formazione

Un sistema per lo sviluppo professionale e il portfolio dei docenti

Il ruolo della scuola nell'interazione Individuo-Società

L’influenza dell’attuale contesto sociale sul servizio agito dalla Scuola

Costituzione e scuola in attesa del referendum

Sul nuovo testo di legge costituzionale

Einstein

La nascita di un mito

Dalla normativa e dai documenti ministeriali: i fondamenti per una didattica inclusiva

L'approccio pedagogico con i DSA. Recuperare l'importanza della Legge 170/2010

Diario semiserio di una supplente alle prime armi - 1

La presa di servizio ovvero “Dilettanti allo sbaraglio”

Valori per una scuola inclusiva

Proposte per il miglioramento della qualità degli apprendimenti nella scuola italiana

Vibranti al cambiamento

Attenzioni didattico-educative per i preadolescenti

Didattica per competenze

I vantaggi del metodo EAS

Prima, durante e dopo

Considerazioni pratiche sui compiti a casa

L’empatia nell’adolescenza

Emozioni e relazioni sociali

Oltre la licenza media

Verso un annacquamento dell'obbligo scolastico?

Promossa, ma...

Ancora sul report La condizione giovanile in Italia – Rapporto Giovani 2016, curato dall’Istituto Giuseppe Toniolo e pubblicato da il Mulino

Lingua seconda: E-Learning e M-Learning

Supportare gli apprendenti attraverso le tecnologie e la digitalizzazione dei contenuti

In attesa di eventuali novità, eccoci agli esami

Esame di Stato 2015-2016 secondo la formula consueta

Esplorare strategie di studio

Una ricerca per gli studenti

Che cosa pensano i giovani della scuola?

L'esperienza scolastica è valutata positivamente da adolescenti e giovani adulti, secondo il Rapporto Giovani 2016 di Fondazione Toniolo

Abolire la scuola Media?

La scuola Media andrebbe rinforzata con un quarto anno per migliorare gli spazi orientativi

Creare un corso online con iTunes U Course Manager

Un servizio gratuito di Apple

Strumenti didattici e strumenti compensativi

Come rendere inclusiva la didattica

Non perdere il senso dell’insegnare

Sulla dimensione etica dell'insegnamento

La plasticità del cervello durante l’adolescenza

L'età di passaggio come una fase di marcata riduzione delle connessioni tra neuroni

L’analfabetismo emozionale ha un costo

L’intelligenza emotiva a scuola

Costruttivismo e implicazioni didattiche

L'apprendimento come costruzione attiva delle conoscenze

Cultura del lavoro e... alternanza scuola-lavoro

Sul comma 33, art. 1 L. 107 del 13 luglio 2015

Le fasi del sonno e la natura dei sogni

Le neuroscienze continuano ad aprire nuovi punti di vista sulla natura dei sogni, in particolare sul loro substrato biologico

Creare un e-book con l’App CBB

Una soluzione App di semplice utilizzo

Gli interrogativi interculturali

Perché realizzare progetti educativi antirazzisti

I compagni come risorsa per la conduzione della classe

La token economy

Scuola-lavoro l’asse portante della riforma

La didattica dell'alternanza

Orientamento e curricolo

L'orientamento come intervento organico e pienamente inserito nell’attività curricolare

L’album di quartiere

Appunti per un laboratorio di Arte e immagine a Piacenza

I provvedimenti amministrativi nel l’integrazione scolastica dei disabili

Il diritto del disabile all’istruzione si configura come un diritto fondamentale

Il Patto educativo di corresponsabilità

Sul DPR 235/2007

Configurazione didattica di un dispositivo mobile

Quali app scaricare e installare

Incontri con genitori di alunni con Bes

Come gestire eventuali conflitti o tensioni?

Il nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale... a scuola

Il d.lgs. 235/2010 e gli adempimenti per le istituzioni scolastiche

Dirigenti e docenti nella Buona Scuola

Sui nuovi organigrammi scolastici

Insegnare la condizione umana

Ricordando l'Olocausto

Corporeità e difficoltà di apprendimento

Le disfunzioni visuo-motorie possono compromettere la letto-scrittura

Strategie per la comprensione del parlato

Italiano L2

Un pensiero sul RAV [Rapporto di AutoValutazione]

Ne valeva la pena?

Il Sistema Nazionale di Valutazione per il miglioramento della scuola

Articolazione e funzioni

Italiano L2

Strategie per la produzione orale

Le tracce del cambiamento

Un nuovo paradigma

Esplorare strategie per riuscire

Proposta di ricerca per alunni dai 10 ai 15 anni

Sul PEI e sul PDP

Progettare l’intervento didattico-educativo

Giurisprudenza per le difficoltà di apprendimento

Gli alunni con DSA (Disturbi Specifi ci di Apprendimento) necessitano di particolare attenzione da parte dei Consigli di classe, che sono tenuti a redigere un PEI (Piano Educativo Individualizzato) conforme a quanto prescrive la legge n. 170/2010 (“Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”).

Il Curricolo verticale: dall’idea alla pratica

L'esperienza di una scuola bresciana

Ma sarà davvero la volta... Buona per la scuola italiana?

L’iter travagliato del provvedimento la “Buona scuola” e soprattutto le “reazioni” che si sono avute nelle aule parlamentari, nelle piazze, nelle scuole testimoniano la complessità delle decisioni da prendere e la delicatezza delle stesse, in relazione alle inevitabili ricadute sull’educazione e sull’istruzione delle attuali e delle future generazioni di giovani del nostro Paese.

La riforma della scuola e un paradigma da cambiare

I primi giorni di luglio è stata approvata in via definitiva la legge “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”

Una lettera ai docenti

È la prima volta che un Presidente del Consiglio si rivolge - in video - direttamente ai docenti.

Modalità di lavoro nella classe inclusiva

Alcuni accorgimenti e tecniche didattiche ci permettono di rendere la lezione più inclusiva indipendentemente dalla materia, dai contenuti e dai materiali. In questo contributo si metteranno a fuoco alcune modalità di insegnamento nella classe inclusiva, scelte tra quelle che sono sembrate più efficaci perché attente ai differenti stili cognitivi degli alunni e che consentono di considerare i differenti livelli di apprendimento.

Un orto per la promozione del benessere

Attraverso gli “orti didattici” è possibile far riscoprire il valore della natura ed avvicinare gli adolescenti all’ambiente che li circonda.

Emozioni, sentimenti, parole

Un laboratorio espressivo

In viaggio da me a te

Laboratorio sull'essere giovani nella società globale

Dall’altra parte della cattedra

Tutti i percorsi formativi richiedono molte risorse personali anche emotive; quelli dei docenti in servizio non fanno eccezioni.

Le nuove certificazioni della scuola secondaria di primo grado

La certificazione delle competenze, la formazione permanente e l’equiparabilità dei titoli di studio occupa, da qualche tempo, un evidente spazio fra le norme di legislazione scolastica. Attualmente, la normativa ha recepito la necessità di creare strumenti che, al termine di ogni ciclo scolastico, siano in grado di certificare le competenze raggiunte dagli studenti.

L'orientamento

Un sondaggio di Demopolis dice che il 60% dei giovani alla vigilia del diploma superiore non sa quali siano i settori con maggiori possibilità [di impiego].

E gli esami non finiscono mai...

Eccoci in prossimità dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione e poiché dal MIUR per il momento non sono arrivate notizie al riguardo, vale il detto che “niente nuove, buone nuove”. In effetti le finalità, la funzione e la struttura organizzativa dell’esame di Stato risultano abbastanza chiare e consolidate dalla prassi degli ultimi anni.

L’orientamento come modalità permanente dell’atto educativo

Ciascuna scuola, nell’ambito della propria autonomia, deve organizzare e gestire, per ciascun soggetto in formazione, un processo unitario ma articolato in tre dimensioni: istruzione, educazione, orientamento.

Esplorare i modi di imparare

Un progetto formativo condiviso con lo scopo di esplorare i modi di apprendere può essere concepito come ricerca da compiere insieme, insegnanti e studenti, su abilità di tipo lifelong skills, prima di tutte imparare a imparare, sempre più indispensabile oggi.

Nutrire il pianeta, nutrire lo spirito umano

EXPO 2015, di cui sentiamo parlare da diverso tempo, prende il via a Milano il 1 maggio per concludersi il 31 ottobre 2015. Si tratta, come per tutte le altre esposizioni universali, di un evento di grande rilevanza economica, tecnologica, culturale; un’occasione importante per permettere all’intelligenza e alla creatività degli uomini di incontrarsi, confrontarsi, individuare nuove piste di lavoro.

Educare al bene comune

Difendere il suolo per nutrire il Pianeta

Attenzione: studenti al lavoro!

La prospettiva tradizionale sui processi di apprendimento considerava adeguato un assorbimento di nozioni e il trasferimento delle stesse dal docente o dal manuale allo studente che memorizzava nomi e date e informazioni; tale sguardo è progressivamente cambiato verso un’idea di apprendimento come costruzione attiva delle conoscenze.

Secondo quest’ottica lo studente produce ed elabora attivamente l’informazione, costruisce o ridisegna sistemi di conoscenza, utilizzando abilità e strategie, acquisite grazie all’esperienza.

L'esame di licenza

Dimmi che esame fai e ti dirò che scuola vuoi

Cittadinanza e fraternità

Le scuole per il loro essere quotidianamente ‘microcosmo’, luogo di incontro e confronto tra storie, culture, visioni del mondo, diverse, svolgono un ruolo di grande rilevanza per permettere la scoperta dell’altro e l’esperienza di obiettivi comuni.

Insegnare la religione, oggi

Oltre le dispute laicismo/confessionalismo

Valutazione “nella” e “della” scuola

La valutazione come elemento regolatore del sistema didattico

L’autovalutazione di Istituto per il miglioramento della scuola

Sulla Direttiva MIUR del 18 settembre 2014

Nuove tecniche di presentazione multimediale

Insegnare digitale con Prezi

Promuovere la competenza interculturale nella scuola di base

Il contributo documenta una ricerca sul tema dell’educazione interculturale, finalizzata a sperimentare e validare sul campo alcuni strumenti utili alla progettazione e alla valutazione di percorsi formativi nella scuola di base orientati allo sviluppo della competenza interculturale.

Crescere al tempo di Internet

Avrete certamente provato a parlare ai vostri studenti, o ai vostri figli, di quando andavate in giro senza un telefono in tasca; quando per fare una ricerca assegnata dall’insegnante dovevate girare pagine e pagine di enciclopedie. [...]

I dispositivi mobili nella didattica

Scuola digitale

Il tempo scuola

Su orario normale e orario prolungato nella secondaria di I grado

Il piano per la scuola

Aspetti in penombra

Renzi e la scuola. L’ultima occasione?

Quattro noti specialisti (Falanga, Rivoltella, Pruneri, Santerini), ciascuno secondo le proprie competenze, pedagogiche, storiche, didattiche, giuridiche, commentano in modo analitico il testo del rapporto La Buona Scuola, che esprime la vision del Governo sulla questione.

La Buona Scuola - Alcune considerazioni

Come valutare questo Rapporto, complesso nella sua articolazione e denso di proposte innovative?

Curricolo e docenti per aree disciplinari

L’anello debole del sistema

La “Buona Scuola”: ma sarà davvero la... volta buona?

Precedute da una sostenuta campagna informativa mass-mediatica, sono arrivate lo scorso 3 settembre le Linee Guida sulla scuola italiana. Un rapporto piuttosto corposo, articolato in 6 capitoli, presentati in una veste grafica “accattivante” e meno... grigia rispetto alle ordinarie comunicazioni ministeriali.

La mente aumentata

Dai nativi digitali alla saggezza digitale

La punizione come modalità educativa nell’ambito sociale e familiare

Nel contesto familiare attuale, in forte evoluzione, le punizioni sono ancora assegnate e se sì sono le stesse del passato? La punizione è comunque utile?

METODO - Ridurre lo scarto tra apprendimenti attesi e risultati conseguiti

Dalla lettura delle Indicazioni Nazionali emerge una fiducia nella scuola e nei processi educativi tanto potente da far pensare che tutti gli alunni possano conseguire apprendimenti adeguati alle loro potenzialità e che sia possibile incidere sulle caratteristiche personali in maniera così decisiva da rendere uno stesso individuo estremamente diverso in relazione agli apprendimenti conseguiti.

Scuola: lavori in corso

Nel momento in cui mi appresto a scrivere l’editoriale per il primo numero della nuova annata, si conoscono da pochi giorni le “Linee Guida” del Governo sulla scuola.

Stimare l’efficacia dell’interazione in classe

Che cosa desidera di più un insegnante? Riuscire a insegnare, secondo il proprio stile, senza intoppi di diverso genere, e vedere gli alunni curiosi di imparare. In altre parole percepire valida la propria azione.

Spagnolo - La quarta lingua al mondo

Programmazione annuale 2014-2015

Scienze - A ciascuno il suo

Programmazione annuale 2014-2015

Tedesco - Nell'ottica del plurilinguismo

Programmazione annuale 2014-2015

Storia - Per comprendere il presente

Programmazione annuale 2014-2015

Italiano - Pinocchio

Programmazione annuale 2014-2015 - Classe I

Matematica - Apprendere per competenze

Programmazione annuale 2014-2015

Religione - Attualità di Antico e Nuovo Testamento

Programmazione annuale 2014-2015

Musica - Promuovere la creatività grazie alle nuove tecnologie

Programmazione annuale 2014-2015

Italiano - Imparare a imparare

Programmazione annuale 2014-2015 - Classi III

Italiano - Notizie in rete

Programmazione annuale 2014-2015 - Classe II

Inglese - L'educazione è vita essa stessa

Programmazione annuale 2014-2015

Educazione Motoria - Giochi senza frontiere

Programmazione annuale 2014-2015

Tecnologia - A partire dall'esperienza vissuta

Programmazione annuale 2014-2015

Geografia - Al plurale

Programmazione annuale 2014-2015

Francese - Una porta per l'Europa

Programmazione annuale 2014-2015

Arte e Immagine - Una strada per imparare a vedere

Programmazione annuale 2014-2015

Quotidiano@classe

Uno straordinario strumento di crescita sociale e civile

Coraggio, equilibrio, magnanimità...

Non mancano certamente i problemi nell’impegno educativo quotidiano; essi chiedono un forte dispendio di energie fino a diventare, a volte, il centro di gravità dei nostri pensieri e delle nostre emozioni. Si rischia in questo modo di leggere l’insegnare solo attraverso le fatiche che comporta e le preoccupazioni che genera, facendo perderci di vista un orizzonte di senso più ampio. La questione cruciale però è che senza ragioni di fondo, finalità, valori di riferimento diventa difficile affrontare le stesse difficoltà.

Dizionario di didattica

Libri - La Didattica: ritratto di un sapere critico e propositivo

La Flipped Classroom

Capovolgere per innovare? - II parte

Cercare strategie insieme

Uno sfondo integratore per la scuola Media

La valutazione della scuola

Chiunque opera nelle scuole, sa molto bene quanto il tema della valutazione accenda facilmente gli animi e provochi forti discussione, soprattutto quando si parla delle pratiche valutative che hanno per destinatari non gli alunni, ma i docenti e le singole istituzioni scolastiche.

Un’attività trasversale sul tema dell’amicizia

Sulla programmazione multidisciplinare

2014-04-14 00:00:00.0

La flipped classroom

Capovolgere per innovare?

Montaggio video

Arte e immagine

Per un cambiamento di prospettiva

Più volte, sulle pagine di “Scuola e didattica”, attraverso gli interventi di diversi esperti, abbiamo posto all’attenzione dei lettori il problema della brevità del segmento della scuola secondaria di primo grado, ‘vaso di coccio’ tra il quinquennio della primaria e quello della scuola secondaria di secondo grado, e la questione di un curricolo troppo ‘carico’.

DA PINOCCHIO A PITOCIO

Cronaca di un’esperienza didattica

I LIBRI DIGITALI

Uno strumento compensativo importante

I RAGAZZI DI SEMPRE

Nell’editoriale di SD 4/2013-2014 avevo messo in luce l’importanza di prendere in considerazione, senza paura e con sguardo pedagogico, i diversi cambiamenti che stanno vivendo le nuove generazioni e che, secondo diversi autori, sono destinati ad incidere profondamente sui dispositivi di insegnamento, il profilo del docente, il ruolo della scuola.

CHECK UP "Stare attento"

Il tema dell’attenzione in classe affrontato con la metodologia dell’indagine/intervento qui viene affrontato dal versante degli alunni, cominciando con il check up dell’unità “Stare attento”.

Strumenti didattici per la cl@sse 2.0

Cooperative Learning e Glossari interattivi
La progettazione e realizzazione di attività didattiche interdisciplinari evidenziano la necessità di operare in team con i colleghi e/o di far operare in team gli studenti secondo approcci metodologici di tipo cooperativo e collaborativo, cioè in Cooperative Learning. L’apprendimento cooperativo (Cooperative Learning, CL)1 rappresenta un metodo per migliorare la preparazione e l’acquisizione di abilità cognitive negli studenti. Si tratta di un processo d’istruzione che coinvolge gli studenti nel lavoro di gruppo per raggiungere un fine comune.

Studiare, missione impossibile?

Dialoghi e lettere sull'imparare a scuola e in famiglia
Come fare dello studio una bella esperienza che risvegli il gusto della conoscenza? L’autore cerca di dare risposte costruttive alle tante domande che puntualmente si presentano a scuola e in famiglia a proposito dello studio.

NOTIZIARIO PROFESSIONALE – La dispersione scolastica

L’abbandono scolastico pregiudica il conseguimento di un titolo di studio e quindi di un impiego lavorativo ed infatti nel rapporto OCSE sull’impiego 2013 si legge che la percentuale dei 15-24enni inoccupata in Italia è cresciuta di 6,1 punti tra il 2007 e la fine del 2012, contro i 4,3 punti della media Ocse; l’aumento è dovuto essenzialmente ai neet, i ragazzi che non sono né al lavoro né a scuola, la cui percentuale è aumentata di 5,1 punti al 21,4% nel 2012.

Indicazioni nazionali per il curricolo

Le nuove Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione sono in vigore dal corrente anno scolastico. I docenti possono ora progettare i percorsi didattici su elementi di certezza, dopo anni di disorientamento per la vigenza contemporanea delle due Indicazioni, del 2004 e del 2007.

ISTITUTO COMPRENSIVO, CURRICOLO E DIPARTIMENTI

L’attuazione delle Indicazioni Nazionali per il curricolo (2012) incontra negli istituti comprensivi qualche difficoltà in quanto i docenti dei vari livelli scolastici, dall’infanzia alla secondaria di primo grado, non sono abituati a lavorare insieme nella fase di elaborazione del curricolo d’istituto.

Perché fare domande?

A che cosa serve una domanda? La risposta più ovvia potrebbe essere quella che è una richiesta di informazioni. Possiamo continuare con un’altra domanda: quali informazioni? Nella quotidianità dell’insegnamento sembra prevalere da parte dei docenti un uso delle domande prevalentemente centrato sugli aspetti relativi alla valutazione degli allievi.

Scuola accogliente, scuola competente

Una scuola può valorizzare le potenzialità dei suoi alunni migliori e contemporaneamente, prendersi cura adeguatamente di quelli che manifestano le maggiori difficoltà?

L’Unione Europea per l’istruzione dei Paesi membri

Le raccomandazioni europee in materia di istruzione, l’apertura verso le competenze, sono ispirate a preoccupazioni di ordine economico, per la necessità di adeguare le competenze professionali ad un mercato sempre più competitivo.

Ragazzi che cambiano. Nuove architetture mentali per gli adolescenti post web

“Non ci sono più i ragazzi di una volta”. Questa frase risulta falsa, quando la si utilizza per indicare, a volte con un certo astio, le presunte cose che non vanno nelle nuove generazioni. Si dice così che i ragazzi sono più disinteressati di noi, più egoisti, meno attenti agli altri e così via. È falsa, perché basata su un’eccessiva idealizzazione delle generazioni passate (fenomeno costante in ogni epoca) e su una concezione sostanzialmente degenerativa e presuntuosa: chi viene dopo non può essere all’altezza di chi lo ha preceduto.

Cloud computing e piattaforma Moodle

Come si crea una classe virtuale

2013-11-22 00:00:00.0

Comunicazione, cultura, società

La comunicazione come relazione sociale

2013-11-15 00:00:00.0

Apprendimento e comportamenti di maschi e femmine nella scuola secondaria di primo grado

Le principali differenze tra alunne e alunni

2013-11-08 00:00:00.0

Curricolo verticale e dipartimenti disciplinari

Quali modelli organizzativi?
L’ esigenza di verticalizzazione del curricolo nel primo ciclo d’istruzione, scuola dell’infanzia compresa, non è una novità riconducibile all’ultimo testo delle Indicazioni (2012). Nel processo di riunificazione ordinamentale delle tre tipologie di scuola, caratterizzate da una specifica idoneità educativa e professionale, tale prospettiva era presente anche nella legge n. 53/2003 (Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia d’istruzione e formazione professionale).

2013-10-29 00:00:00.0

Dall’aula tradizionale all’aula virtuale

Nuovi ambienti e strumenti per apprendere in cooperative learning.

METODO – Le botteghe dell'insegnare

Un percorso aperto
Insegnare non è mai stato facile e l’oggi non fa eccezione. Anzi, la crescita delle funzioni attribuite alla scuola e alla professione docente sta comportando un aumento di complessità dell’azione didattica e la crescita della percezione della fatica negli insegnanti.

Lenti a contatto

Prima Ricerca Nazionale sui costi della dispersione scolastica, a cura di Intervita Onlus.

2013-09-01 00:00:00.0

APPROFONDIMENTI - Famiglie al plurale

Famiglia, luogo della diversità Chi lavora oggi nella scuola sa come vi siano molti modi diversi di fare famiglia, di educare i propri figli, così come di relazionarsi con l’istituzione scolastica. Ci sono famiglie di età, ceto sociale, livello di istruzione, origini culturali diverse. Ci sono poi famiglie dalle composizioni più svariate: famiglie bi-parentali e monoparentali, ricomposte, con uno o più figli, famiglie adottive e affidatarie; e l’elenco potrebbe continuare a lungo a disegnare un quadro plurale e composito.

  pagina di 1  



Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati

Informazione sulla presenza di Cookies*

A-Definizioni
La maggior parte dei siti utilizzano "cookie", vale a dire piccoli file di testo memorizzati sul dispositivo, che permettono di operare sul sito e di raccogliere informazioni riguardanti l'attività online.  Il testo all'interno di un cookie spesso prevede una stringa di numeri e lettere che identificano univocamente il computer dell'utente, ma possono anche contenere altre informazioni.
Per default quasi tutti i browser web sono impostati per accettare automaticamente i cookie.
L’articolo 5, paragrafo 3 della direttiva 2002/58/CE**, come modificato dalla direttiva 2009/136/CE, prevede l’esenzione dei cookie dall’obbligo del consenso informato se soddisfano uno dei criteri seguenti:
Criterio A: il cookie è utilizzato “al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica”.
Criterio B: il cookie è “strettamente necessari[o] al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio”.

I cookie sono spesso classificati in base alle loro caratteristiche:
1) “cookie di sessione” o “cookie persistenti”;
2) “cookie di terzi”.
Un “cookie di sessione” è un cookie che viene cancellato automaticamente alla chiusura del browser, mentre un “cookie persistente” è un cookie che rimane archiviato nell’apparecchiatura terminale dell’utente fino alla scadenza prestabilita (che può corrispondere a minuti, giorni o più anni nel futuro).
I siti La Scuola utilizzano cookies di terze parti legate al solo monitoraggio del traffico e cookie di sessione unicamente per i servizi erogati a docenti e studenti in relazione ai contenuti scolastici per consentire il riconoscimento degli accessi realmente autorizzati.
Per approfondimenti rimandiamo alla citata direttiva CE**.

B-Controlli del browser per bloccare o cancellare i cookie.
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookie, ma permette di modificare le impostazioni del browser per bloccare i cookie. 
Se si accettano i cookie, è possibile eliminarli successivamente.  Le istruzioni per eliminare i cookie in altri browser sono disponibili in ogni informativa sulla privacy del browser.
Se si cancellano i cookie, le impostazioni e preferenze da questi controllati, comprese le preferenze pubblicitarie, verranno cancellate e potrebbe essere necessario ricrearle.
Controlli del browser per la protezione dal monitoraggio.
Alcuni nuovi browser hanno introdotto la funzionalità DNT. Molte di queste funzionalità, se attivate, inviano un segnale o una preferenza ai siti Web visitati indicando che non si vuole essere tracciati.

C-Controlli per la cancellazione dai messaggi pubblicitari.
Dato che i cookie possono essere utilizzati per diversi motivi, gli utenti che non vogliono ricevere messaggi pubblicitari mirati a livello comportamentale possono scegliere di accettare i cookie, ma di annullarne un particolare utilizzo. Le società pubblicitarie online hanno sviluppato linee guida e programmi per facilitare la protezione della privacy degli utenti, in cui sono incluse pagine Web che possono essere visitate per rifiutare esplicitamente la ricezione di annunci pubblicitari mirati da tutte le società partecipanti. Queste pagine includono:

  1. Assistenza Consumatori Digital Advertising Alliance (DAA): http://www.aboutads.info/choices/
  2. Pagina di cancellazione Network Advertising Initiative (NAI):http://www.networkadvertising.org/managing/opt_out.asp
  3. In Europa, è anche possibile visitare Your Online Choices: http://www.youronlinechoices.com/

D-Controlli di analisi terze parti.
Come descritto di seguito in dettaglio, molti siti Web e servizi online di e altre compagnie, utilizzano servizi di analisi terze parti con cookie e Web beacon per compilare statistiche aggregate relative all'efficacia delle campagne promozionali o ad altre operazioni del sito Web.  È possibile rifiutare la raccolta o l'utilizzo dei dati da parte dei provider di analisi facendo clic sui seguenti collegamenti:

  1. Omniture (Adobe): http://www.d1.sc.omtrdc.net/optout.html
  2. Nielsen: http://www.nielsen-online.com/corp.jsp?section=leg_prs&nav=1#Optoutchoices
  3. Coremetrics: http://www.coremetrics.com/company/privacy.php#optout
  4. Visible Measures: http://corp.visiblemeasures.com/viewer-settings
  5. Google Analytics: http://tools.google.com/dlpage/gaoptout (richiede l'installazione di un componente aggiuntivo del browser).

______________________
* Provvedimento del Garante per la Privacy dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 dello scorso 3 giugno http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884

**vedi: http://ec.europa.eu/justice/data-protection/article-29/documentation/opinion-recommendation/files/2012/wp194_it.pdf#h2-8).