Metodo

Arte e Immagine - Una strada per imparare a vedere

66
text
Classe I

Il docente davanti a una Classe Prima della scuola media non può che lasciarsi stupire dal silenzio e dagli sguardi attenti che si incontrano non appena varcata la soglia dell’aula: sono il segno di molte tacite domande: quali segreti ci riserva la vita? Chi posso essere io? Sono domande che accendono il fuoco di un interesse che potrà non spegnersi più, se trova chi lo sa attizzare. Secondo le Indicazioni nazionali per il curricolo1 ci si aspetta che i ragazzi maturino competenze artistico/espressive alte; e ciò dipenderà da diversi fattori quali i talenti naturali, l’esperienza svolta alle scuole di ordine precedente e anche l’educazione ricevuta in famiglia; ma soprattutto dalla proposta che l’insegnante saprà fare. La prima mossa è quindi quella dello “sguardo” che il docente vive sulla materia, sul ragazzo, su di sé. In particolare si dovrà annunciare che chiunque può imparare. Il detto popolare "artisti si nasce, non si diventa" presuppone un’affermazione ultimamente falsa, alludendo al fatto che le doti espressive naturali siano in contrasto con ogni tipo di formazione. Certe capacità dell’umana natura si attivano e si coordinano facendo un’esperienza e quasi senza che il soggetto se ne accorga. Chi saprebbe richiamare alla propria mente e spiegare in modo logico-consequenziale come ha imparato ad andare in bicicletta? Oppure a guidare l’automobile? O a pattinare sul ghiaccio? Eppure abbiamo imparato, attraverso una pratica guidata. Occorrerà quindi sorprendere i giovani attraverso esercizi di osservazione che possano dimostrare loro che in realtà imparare a disegnare significa imparare a guardare, “attivando” il radar che è in noi e che - senza fare uso di parole - sa guidare la nostra mano a vedere ciò che l’occhio sente. Molte delle proposte di quest'anno scolastico avranno come scopo introdurre alla pura osservazione e alla rappresentazione della realtà nella sua “evidenza sperimentale”: la complessità e ricchezza di linee, forme, ombre, toni, colori e volumi.
***

1 - Si fa riferimento ai traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria contenute nelle Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo di scuola infanzia e primo ciclo del 4 settembre 2012.


Classe II - Sulle tracce dei maestri

Il secondo anno della scuola media è di decisiva importanza per i ragazzi per il confronto con la cultura che ci sta dietro (e davanti), apprendendo sotto la spinta del fascino che i grandi artisti e le loro opere esercitano. Sono per molti gli anni della nascita delle “vocazioni”, dalle sportive alle musicali, alle artistiche. L’insegnante è chiamato da un lato a far fare un cammino di conoscenza che aiuti a percepire l’arte come qualcosa che riguarda profondamente le istanze profonde dell’esperienza umana universale; e a  permettere che ci si possa cimentare in laboratorio sugli stessi passi degli artisti che si sta seguendo come Maestri. «Lo studio della disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e di potenziare nell’alunno la capacità di leggere e comprendere le immagini e le diverse creazioni artistiche, di esprimersi e comunicare in modo personale e creativo, di acquisire sensibilità e consapevolezza nei confronti del patrimonio artistico» [Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012].

La visione delle opere deve quindi tenere conto del fatto che i ragazzi devono imparare ad accorgersi (anche in modo analitico) dei vari elementi dell’immagine, oltre che riconoscerle; e in questo è fondamentale la capacità di fare le domande che provochino la riflessione. L’analisi delle opere non cominci quindi dagli elementi del linguaggio, perché l’impressione sintetica precede sempre l’analisi; e dunque, partendo da ciò che colpisce dell’opera nella sua unità, si procederà nel capire il metodo che l’artista ha utilizzato. La metodologia proposta deve essere comprensibile e memorizzabile, attraverso gli appunti e gli schizzi per i quali sarà sempre a disposizione un apposito quaderno (scrivere e disegnare devono essere interscambiabili strumenti di pensiero!) Il riferimento alla biografia dell’artista, che non può essere utilizzato come spiegazione esaustiva della forma dell’opera, è però uno strumento potente per sentire vicina a sé la vicenda umana dell’artista. L’uso di spezzoni di film sugli artisti ha sempre un grande valore di immedesimazione, oltre che di conoscenza.


Classe III

1. Un momento decisivo

Marc Prensky, l’autore della famosa definizione nativi digitali, ha scritto: «i ragazzi «(...) possiamo capirli non solo osservandoli o descrivendoli, ma interpellandoli. Ossia ascoltando cosa hanno da dire, partendo però da una certezza: non sono scatole vuote».1
Anche se in modo confuso e trasgressivo, nel terzo anno i ragazzi manifestano le domande e i desideri che abitano la natura dell’uomo da sempre: conoscere sè, essere amati e trovare strada da protagonisti nel mondo. La proposta di Arte e Immagine dovrà perciò tentare di rispondere a questa esigenza profondamente umana e drammatica.


2. Guardare un altro per scoprire sè

All'inizio dell'anno scolastico, i ragazzi si trovano a scegliere una tappa importante della loro vita: l'iscrizione alla scuola superiore; e sarà ragionevole prendere una decisione riguardo alla scuola superiore avendo cominciato a conoscere sé stessi, le proprie competenze, le proprie passioni e interessi. Ma come accade di poter scoprire chi si è?

«Dirò subito che la grande e altisonante massima: Conosci te stesso! mi è sempre parsa sospetta, come un’astuzia di preti segretamente in combutta per confondere l’uomo con pretese irrealizzabili e deviarlo dall’attività nel mondo esterno verso una falsa contemplazione interna. L’uomo conosce se stesso nella sola misura in cui conosce il mondo, di cui ha coscienza soltanto in sé, come ha coscienza di sé soltanto in esso»2: in questa affermazione di Goethe è vividamente espressa una prospettiva che caratterizza l’idea di educazione attraverso la didattica che vorremmo cercare di proporre lungo questo anno. La conoscenza di sè, lungi dal configurarsi nei termini di una riflessione introspettiva presenta come propria condizione l’attuazione e l’approfondimento del proprio rapporto con il mondo. È quindi solo in un incontro che il ragazzo ha la possibilità di riconoscersi; incontro con le opere, i linguaggi e soprattutto gli artisti: occorre che egli possa intravedere un nesso tra sé e l’esperienza degli artisti, le loro esigenze, le loro aspirazioni.

Alcuni artisti tra ‘800 e ‘900 sono esempi illuminanti di un’inscindibile unione tra vita personale e arte, che possono certamente dare un contributo positivo al cammino: Friedrich, Turner, Van Gogh, Cézanne, Picasso, Matisse, Chagall, Boccioni, Pollock, Bacon, Giacometti, Gaudì…Importante, nel far conoscere ogni artista e corrente, il tentativo di connetterlo alle esigenze e alle circostanze del suo tempo, ma più importante ancora è favorire che i ragazzi possano iniziare a preferire in base all’attrattiva personale che le opere o gli autori suscitano: accorgersi di quello che attira, decidere di approfondirlo, e imparare a rendere ragione di tale interesse. Contemporaneamente l’opera scelta potrà essere conosciuta e “assorbita attivamente”, attraverso la copia o l’interpretazione dello stile.

Francesco Fornasieri

***

1 - From On the Horizon, MCB University Press, Vol. 9 No. 5, October 2001, © 2001 Marc Prensky; consultabile su http://www.marcprensky.com/writing/Prensky%20-%20Digital%20Natives,%20Digital%20Immigrants%20-%20Part1.pdf
2 - J. W. Goethe, La metamorfosi delle piante e altri scritti sulla scienza della natura, tr. it. di S. Zecchi, Milano, Guanda, 2008, p. 146.



68/zarcntext/14060439656027502590_arte.jpg
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.