News - Approfondimenti

Ragazzi che cambiano. Nuove architetture mentali per gli adolescenti post web

33
text
“Non ci sono più i ragazzi di una volta”.
 
La stessa frase, invece, può essere utilizzata correttamente,per dire una grande verità, ossia che è impossibile che una generazione sia uguale ad un’altra e, in termini più radicali, che una persona sia identica ad un’altra. Nella sua semplice evidenza questo fenomeno si manifesta ogni anno di fronte agli insegnanti, che si ritrovano sempre a ricominciare da zero per comprendere nuovamente i ragazzi che hanno davanti, le loro storie, i loro comportamenti, le loro paure, i loro desideri e i loro limiti.
 
“Non ci sono più i ragazzi di una volta”.
 
La solita frase può diventare una sfida costruttiva per i nostri sguardi e i nostri pensieri, se essa è il frutto di un’analisi attenta dei cambiamenti in atto, che secondo diversi analisti e ricercatori sono di un’ampiezza straordinaria.
 
Tra le diverse riflessioni che possono aiutarci vi sono quelle, per esempio, dello studioso francese M. Serres, che in diverse sue opere, con poche pennellate e uno stile a volte criptico ci sprona a fare i conti seriamente con le trasformazioni, senza rimpianto del passato, ma anche senza ingenuità. Nel suo testo, del 2012, Petit Poucett, tradotto alcuni mesi fa in italiano da Boringhieri con il titolo Non è un mondo per vecchi. Perché i ragazzi rivoluzionano il sapere [google] descrive la portata di quella che, a suo parere, è una vera e propria metamorfosi.
 
I ragazzi delle nostre scuole, i nostri figli, sono diversi nelle abitudini di vita, nel rapporto con il corpo e con la fatica. Concepiti non alla cieca e con davanti a loro una durata di vita più lunga, vivono in un mondo multiculturale e non abitano più lo stesso spazio umano, che continua ad espandersi grazie alle possibilità di connessioni. Non parlano più la stessa lingua, in continua trasformazione e arricchimento; vivono nell’indebolimento delle appartenenze più tradizionali, attori e testimoni del sorgere di forme nuove di legami.
 
Sono formattati dai media, diffusi da adulti che hanno meticolosamente distrutto la lorofacoltà di attenzione riducendo la durata delle immagini a sette secondi e il tempo di risposta alle do-mande a quindici. [...] Sono formattati dalla pubblicità“ (tr. it, p. 13). “Le scienze cognitive mostranoche l’uso della Rete, la lettura e o la scrittura dei messaggi con il pollice, la consultazione di Wikipedia o di Facebook non eccitano gli stessi neuroni né le stesse zone dalle lavagne o dai quaderni. I ragazzi riescono a gestire molte informazioni nello stesso tempo. Non conoscono, né integrano, né sintetizzano come noi, che siamo i loro genitori e i loro nonni. Non hanno più la stessa testa” (ibi, p. 14).
 
Secondo Serres siamo dunque in presenza di cambiamenti così significativi da poter essere definiti “ominescenti”, ossia generatori di una cesura nella cultura umana “paragonabile a quelle visibili nelneolitico, all’inizio dell’era cristiana, alla fine del Medioevo e nel Rinascimento” (ibi, p. 18). Anche l’insegnamento è destinato a mutare profondamente. Le informazioni, già classificate e sistematizzate, sono sempre di più a portata di mano e di un click, esse sono compresse “in piccoli aggeggi che i ragazzi portano in tasca, sotto il fazzoletto” (ibi, p. 33).
 
Il punto di potere (il power point!) attraverso il quale accedere al sapere non è più rappresentato dalla cattedra e dal suo titolare; per questo, dice Serres, le nostre aule sono destinate a trasformarsi in qualcosa di diverso e l’insegnante a perdere progressivamente la funzione di portavoce di un’offerta. “Accessibile tramite il Web, Wikipedia, il palmare, con qualsiasi mezzo portatile. Spiegato, documentato, illustrato con una quota di errori analoga a quella delle migliori enciclopedia. Non si ha piùbisogno del portavoce di una volta, salvo che qualcuno abbia un guizzo inventivo, originale, ma èraro. Fine dell’era del sapere” (ibi, p. 32).
 
Ma non la fine, mi permetto di aggiungere, della sapienza e della comprensione; per questo c’è bisogno, come sempre e forse più di prima, di insegnanti capaci di accendere il cuore e la mente.
 
Pierpaolo Triani
 
***
 
Da SD 4, dicembre 2013, p. 1.
68/zarcntext/13865832214702486172_ragazzi_cambiano.png
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.