Interventi

La valutazione della scuola

57
text
Chiunque opera nelle scuole, sa molto bene quanto il tema della valutazione accenda facilmente gli animi e provochi forti discussione, soprattutto quando si parla delle pratiche valutative che hanno per destinatari non gli alunni, ma i docenti e le singole istituzioni scolastiche.

Evitare il tema non risolve però la molteplicità delle questioni che esso comporta, per questo motivo appare non solo coraggiosa, ma opportuna la scelta della Fondazione Agnelli di dedicare il quarto Rapporto sul sistema d’istruzione in Italia alla valutazione della scuola, pubblicato pochi mesi fa dall’editrice Laterza1.

Come per gli altri tre rapporti precedenti, il quadro proposto, frutto di un attento lavoro di analisi di dati e documenti e di confronto con diversi interlocutori del mondo scolastico e pedagogico, coniuga l’accurata descrizione dei problemi e delle diverse posizioni con alcune linee di indirizzo.

C’è bisogno, sostiene giustamente il Rapporto, non solo di sottolineare l’importanza di una valutazione seria, articolata, prospettica della scuola, ma anche che attorno al suo senso, alle sue forme e ai suoi strumenti si generi un maggiore consenso sociale che permetta di arginare le paure, le resistenze e di costruire soluzioni il più possibile condivise.

Sono diverse le ragioni a sostegno dell’implementazione di un sistema di valutazione della realtà scolastica; esse risiedono principalmente nell’importanza di avere informazioni chiare ed ordinate da mettere a servizio delle qualità dei singoli istituti e che possano rappresentare un punto di riferimento per le scelte delle famiglie e del sistema scolastico stesso. Osserva il Rapporto: “...se non si tirano mai le fila di che cosa funziona e che cosa no, se non si danno a docenti e dirigenti informazioni per confrontare la qualità del proprio lavoro con quella degli istituti con caratteristiche simili, se le famiglie e l’opinione pubblica non hanno gli strumenti per esprimere la propria voce, se non si è disponibili a intervenire, anche in modo drastico, per rimediare alle insufficienze, allora le zone d’ombra della nostra scuola potrebbero alla fine sopravanzare quelle di luce” (p. 244).

Certo la declinazione della valutazione della realtà scolastica deve necessariamente caratterizzarsi per un’articolazione che ne rispetti, come descritto nei capitoli 2-4 del Rapporto, la complessità in ordine ai soggetti (studenti, docenti, singole scuole, sistema scolastico), agli strumenti, alle modalità di realizzazione (valutazione interna ed esterna) e che sappia fare i conti, secondo gli studiosi della Fondazione Agnelli, con ‘tre nodi cruciali’ (cfr. cap. 5): “(i) la forte resistenza degli insegnanti alla valutazione esterna, che apre ovviamente il grande problema della costruzione del consenso; (ii) la scelta fra la valutazione delle scuole e la valutazione dei singoli insegnanti, alla luce dei pro e dei contro che ciascuna alternativa presenta; (iii) l’opportunità o meno di rendere noti i risultati della valutazione delle scuole, con un’informazione estesa e trasparente alle famiglie e all’opinione pubblica” (pp. 124-125).

In questi anni, seppure dentro un cammino definito dal Rapporto incerto e faticoso, si è cercato di avviare la costruzione di un sistema che ha portato, come è noto, al Regolamento sul sistema nazionale di valutazione (SNV) in materia di istruzione e formazione. Non mancano però i passi da compiere che dovrebbero tenere conto di quelle che lo stesso Rapporto chiama ‘le lezioni apprese’ da quanto svolto in Italia e in altri paesi, in primis il fatto che “una valutazione fatta contro i docenti non potrà mai decollare, mentre una valutazione costruita senza i docenti finirà per suscitare tali e tanti timori, a maggior ragione se accompagnata, da tentativi mal concepiti o mal recepiti, da essere anch’essa destinata al fallimento” (p. 247).

La Fondazione Agnelli chiude la sua analisi con alcune linee di sviluppo del sistema nazionale di valutazione. Senza entrare nel merito delle singole proposte e della loro discussione, è opportuno però richiamarle seppure in modo sintetico: trasformare gli esami di Stato in veri central exams, rendendoli comparabili a livello nazionale (si tratta di una proposta che presenta a nostro parere alcune criticità); non rendere gli insegnanti soggetti alla valutazione esterna; rafforzare la valutazione delle singole scuole utilizzando i diversi strumenti sperimentati in questi anni; riconoscere alle scuole, in base alla valutazione, margini crescenti di libertà amministrativa e organizzativa; rafforzare la valutazione del sistema con una particolare attenzione all’impatto delle varie misure di politica scolastica.

Come si può notare si tratta di proposte complesse, che però hanno il pregio di far pensare e spingono ad affrontare il tema della valutazione della scuola cercando di andare oltre i preconcetti e i pregiudizi.

Pierpaolo Triani

***
 

1 - Cfr. Fondazione Giovanni Agnelli, La valutazione della scuola. A che cosa serve e perché è necessaria all’Italia, Laterza, Bari 2014.

***
 

Da SD 9, maggio 2014, p. 1
68/zarcntext/13994557128759132334_valutazione_agnelli.png
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.