Interventi

08/11/2013

Curricolo verticale e dipartimenti disciplinari

27
text
L’ esigenza di verticalizzazione del curricolo nel primo ciclo d’istruzione, scuola dell’infanzia compresa, non è una novità riconducibile all’ultimo testo delle Indicazioni (2012). Nel processo di riunificazione ordinamentale delle tre tipologie di scuola, caratterizzate da una specifica idoneità educativa e professionale, tale prospettiva era presente anche nella legge n. 53/2003 (Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia d’istruzione e formazione professionale).

Tuttavia la sfida pedagogica posta dalla “unitarietà e continuità del curricolo” è sempre rimasta aperta e oggi si ripropone con maggior urgenza con il diffondersi degli istituti comprensivi. L’avvio del corrente anno scolastico ha reso evidente in molte scuole la necessità di predisporre modelli organizzativi capaci di facilitare il confronto, la sintesi tra docenti con matrici professionali differenti e con il vincolo di elaborare un Curricolo d’istituto “quale espressione della libertà di insegnamento e dell’autonomia scolastica”, attraverso l’indicazione delle scelte della comunità scolastica che caratterizzano l’identità dell’istituto stesso.
 
Un modello organizzativo che sembra rispondere a questi requisiti è il dipartimento disciplinare quale articolazione del Collegio dei Docenti, capace di dare un contributo decisivo alla progetta- zione del curricolo d’istituto previsto dal Regolamento dell’autonomia (art. 8, DPR n. 275/1999) e ora delle Indicazioni nazionali, là dove affrontano l’elaborazione del curricolo.
 
Un dipartimento disciplinare, formato da docenti appartenenti alle tre tipologie di scuole del primo ciclo, è portatore di saperi e competenze riconducibili alla medesima disciplina o ad un’area disciplinare; ogni dipartimento è di fatto un gruppo di lavoro capace di mettere a tema l’esperienza professionale dei propri membri alla luce di riflessioni, condivisioni e consapevolezze di carattere teorico che riguardano gli statuti epistemologici della o delle discipline insegnate.
 
È nel dipartimento disciplinare che si affrontano i nodi fondanti delle discipline, i concetti chiave, le loro evoluzioni nel tempo, le loro applicazioni, ecc. E a questo confronto partecipano anche i docenti della scuola dell’infanzia con il loro contributo relativo ai campi di esperienza. L’incrocio tra riflessione epistemologica ed esperienze professionali nelle varie tipologie di scuola, conferisce al lavoro del dipartimento quella valenza di continuità e di unitarietà che si traduce sul piano operativo del curricolo disciplinare verticale. 
 
Molte sono le scuole che già organizzano e realizzano dipartimenti disciplinari, in altre si pre- sentano ancora molte difficoltà sul piano organizzativo ed anche anacronistiche resistenze al confronto tra colleghi di tipologie diverse di scuole. Le Indicazioni nazionali costituiscono il quadro di riferimento (profilo dello studente, traguardi, obiettivi di apprendimento) all’interno del quale il dipartimento è chiamato a compiere scelte culturali e formative in relazione al contesto o ambiente di apprendimento in cui agisce.
 
Spetta proprio al dipartimento disciplinare il lavoro d’indagine sulle valenze formative delle discipline, sul modo in cui i loro impianti concettuali di base (e non solo i cosiddetti contenuti in cui essi si traducono) possono rivelarsi formativi per gli allievi. In sintesi il dipartimento disciplinare diventa il luogo privilegiato per conoscere e far incontrare la disciplina o l’area disciplinare con le esigenze formative degli allievi; incontro necessario e indispensabile per far conseguire loro le competenze previste dal profilo dello studente che “descrive in forma essenziale le competenze riferite alle discipline di insegnamento e al pieno esercizio della cittadinanza che un ragazzo o una ragazza deve mostrare di possedere al termine del primo ciclo di istruzione”.
 
Piero Cattaneo
 
***
 
Da SD 3, 2013-2014, p. 1
 
68/zarcntext/13838998311294496865_sd3_curricolo_verticale.png
sx
2

Editrice La Scuola © Tutti i diritti riservati
IL SITO “La Scuola.it”
Titolare del Trattamento
Editrice La Scuola S.p.A. con sede in
Via Antonio Gramsci, 26
25121 Brescia (Italia)
Tel. +39 030 2993.1
Fax +39 030 2993.299

COOKIE POLICY
Come impieghiamo i Cookie
I cookie sono piccole stringhe di testo che il browser memorizza quando l’utente visita un determinato sito internet, incluso il nostro. I cookie sono generalmente utilizzati dai siti internet per migliorare l’esperienza di navigazione dell’utente, consentendo al sito web di riconoscerlo, sia per la durata della visita (utilizzando un cookie di “sessione” che sarà cancellato alla chiusura del browser) sia in caso di successive visite (utilizzando un cookie “permanente”).
Per sapere di più sui cookies, per favore visitate il sito web dedicato, che trovate di seguito riportato accanto al paese di origine:
Italia: Your Online Choices www.youronlinechoices.com/it/
Altri: All About Cookies www.allaboutcookies.org
Il provvedimento generale dell'Autorità Garante della privacy (GU n. 126 del 3 giugno 2014) ha definito due tipologie di cookie:
Cookie tecnici - Impiegati per permettere la trasmissione di una comunicazione, per condurre un servizio richiesto dall'utente o per effettuare ricerche statistiche sull'impiego del sito web.
Cookie di profilazione - Impiegati per registrare il comportamento di un utente e le preferenze manifestate al fine di inviargli messaggi pubblicitari in linea con i suoi interessi.
In riferimento al suddetto provvedimentoLaScuola.it utilizza le seguenti tipologie di Cookie:

Tecnici
Permettono il funzionamento di alcune parti del sito. Le loro finalità riguardano il mantenimento di una sessione attiva tra l’utente e il sito e la preferenza della lingua scelta dall’utente. Questi cookie vengono memorizzati all’interno del browser, è possibile cancellare o disabilitare la ricezione di questi cookie, compromettendo le funzionalità di alcuni servizi del sito web. Per l’utilizzo di questi cookie non è necessario ottenere il consenso da parte dell’utente.

Analytics
Google Analytics è uno strumento gratuito di analisi web di Google che consente di raccogliere informazioni relative alle pagine visitate, al tempo trascorso sul sito, al modo in cui il sito è stato raggiunto. Questi dati permettono di segnalare le tendenze dei siti web senza identificare i singoli visitatori. Per utilizzare questi cookies l’utente deve manifestare il proprio consenso, esprimendolo semplicemente proseguendo la navigazione del sito cliccando fuori dal banner che LaScuola.it presenta al primo accesso. Google Analytics utilizza i suoi cookies di proprietà. Puoi scoprire di più sulla privacy policy di Google visitando il sito: http://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
E’ possibile annullare l’uso di Google Analytics in relazione all’utilizzo sul nostro sito scaricando e installando il Browser Plugin disponibile tramite questo link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it

Cookie di profilazione
Si tratta di cookies di terze parti che permettono di raccogliere le informazioni relative alle preferenze degli utenti mentre navigano in internet, registrare quando gli annunci vengono visti, la reazione degli utenti e le loro conseguenti azioni e controllare il rendimento delle campagne. Tale servizio, implementato su questo sito, impiega cookies di terze parti, di seguito elencati insieme alle rispettive privacy policy, nella quale vengono fornite ulteriori informazioni:
- DoubleClick, link: http://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- AddThis, link: http://www.addthis.com/privacy/privacy-policy/it/
- BlueKai, link: https://www.oracle.com/it/legal/privacy/marketing-cloud-data-cloud-privacy-policy.html
- Turn Inc. link: http://www.amobee.com/trust/consumer-opt-out
- Site Scout, link: http://www.sitescout.com/opting-out

Come impedire l'impiego dei cookie
In riferimento ai Cookie di terza parte utilizzati dal sito, si rimanda alla politica del fornitore raggiungibile dal link sopra indicato per le informazioni sulla loro disabilitazione.
Altro metodo per gestire i cookie è la modifica delle impostazioni del browser impiegato. La maggior parte dei browser internet, infatti, è configurata di default per accettare i cookie. È possibile tuttavia disabilitare il loro impiego o controllare quali di essi possano essere utilizzati o meno. Di seguito vengono riportati i link alle descrizioni sul come gestire i cookie sui più comuni web browser:
Chrome: https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it
Internet Explorer: https://support.microsoft.com/it-it/help/17442/windows-internet-explorer-delete-manage-cookies
Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie
Safari: https://support.apple.com/it-it/HT201265
Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
Ricordiamo che disabilitare i cookie di navigazione o i cookie funzionali, può limitare il servizio da noi offerto o i contenuti del sito stesso.

Modifiche a questa policy
Editrice La Scuola si riserva la facoltà di modificare questa informativa secondo quanto si renderà necessario. Vi invitiamo a controllare questa pagina periodicamente nel caso vogliate tenere sotto controllo i cambiamenti.